SEI IN > VIVERE CALABRIA > CULTURA
articolo

Gioia Tauro: 'Pensieri Stonati': Genitori... Istruzioni per l'uso

3' di lettura
64

Sono nata nel 83... ahi che infanzia quelli nati negli "anta".... generazione poco tecnologica ma tanto salda a cose tangibili, come lo sguardo da cecchino dei genitori ... Ma noi? Noi genitori del terzo millennio come siamo??


La verità è che noi genitori del terzo millennio siamo un pò pappamolla, questi figli li trattiamo con i guanti e abbiamo mille accorgimenti, neanche fossero statuette della Thun.
E siamo troppo informati.
Se nostro figlio si sveglia con le pustoline di sudamina, andiamo su Google e cerchiamo “puntini rossi sul corpo del bambino”: 178 malattie trovate e 12 sindromi rare.
Quando eravamo bambini noi e ci veniva un eritema, la soluzione era il sapone di casa.
"Lavati con quello, che ti passa!
Oggi se i bambini cadono e si sbucciano un ginocchio c'è il disinfettante che non brucia.
Quando ero bambina io, c'era l'alcool che appena vedevi la bottiglia la bua ti passava istantanea quanto bruciava!
Da bambini noi potevamo sporcarci perché con i germi si sviluppavano gli anticorpi. Non importava perché tanto ci lavavamo prima di andare a letto. Nella vasca da bagno restava la figura come la sindone.
Oggi i bambini non possono sporcarsi, devono stare attenti ai germi ma soprattutto alla maglietta di marca. Lavano le mani talmente tante volte che si stanno rimpicciolendo. Nel 2100 per evoluzione, avranno i polsi che terminano a pallina.
I bambini oggi non si sporcano e non possono toccare nulla che non sia disinfettato. Noi mangiavamo l'acetosella sul quale magari avevano fatto la pipi' i gatti.
Se ci cadeva il pane a terra, le mamme lo buttavano? No lo soffiavano! Il famoso soffio ammazzabatteri. "Mangia, sono anticorpi".


Oggi se cade il pane ad un bambino, parte l'urlo della foresta "NOOOOooooOOOOooooOOOOO è caccaaa!" Che al bambino si ferma la crescita per 20 secondi.
Oggi i bambini stanno tutti a dieta, dallo svezzamento al matrimonio . Quando eravamo bambini noi la mamma ci faceva l'uovo sbattuto con lo zucchero e si mangiava il fegato una volta a settimana sennò ci veniva l anemia .
Oggi se la maestra mette un 7 a un bambino i genitori vanno subito a lamentarsi con lei perché non ha messo un 10.
"Non capisco perché mio figlio ha preso 7!"
"No niente, signora, cerchi di capirmi è anche uno stimolo per il bambino a fare di più ed è ingiusto nei confronti di altri bambini che il 10 lo meritano davvero"
"Lei non capisce niente! Mio figlio è da 10 e io mi rivolgerò al ministero della pubblica istruzione, se ne pentirà"
Quando andavo a scuola io, la maestra era autorizzata non solo a mettere i voti che riteneva più opportuni, ma anche ad alzare la voce e rimproverarti se non ti comportavi bene.
Oggi i bambini si traumatizzano facilmente e nessuno dice loro che non hanno ragione, che le ansie non devono esistere. Anche io da bambina avevo ansie e paure, ma sono sparite perchè nessuno dava loro da mangiare.
Perchè alla fine, non è che questi bambini devono sapere proprio tutto tutto eh. C'è tempo per le tragedie, la guerra, la morte, perchè è vero che capiscono, ma sono pur sempre bambini e soprattutto saranno i genitori del futuro per cui non tagliamo le ali della loro fanciullezza ma accompagniamoli con lo stesso semplice ed umile amore con il quale siamo stati cresciuti dai nostri genitori degli anta.

È attivo il servizio di notizie in tempo reale tramite Facebook di Vivere Friuli-Venezia Giulia .
Clicca QUI per trovare la pagina.


Questo è un articolo pubblicato il 01-05-2024 alle 10:07 sul giornale del 02 maggio 2024 - 64 letture






qrcode