Fondi UE, Spirlì “Obiettivi raggiunti, Calabria non è più fanalino cods”

2' di lettura 04/08/2021 - CATANZARO (ITALPRESS) – “Non solo non siamo più il fanalino di coda, ma in fatto di programmazione siamo tra le prime regioni d’Europa, come dimostrano gli 82 milioni di premio in arrivo, che serviranno alla Calabria anche per recuperare le arretratezze del passato.

Sono questi i risultati su cui basarsi per il futuro, questa è la prova provata che si può amministrare bene”. E’ quanto affermato dal presidente della Regione Calabria, Nino Spirlì, nel corso della conferenza stampa – avvenuta questa mattina nella Cittadella “Santelli” di Catanzaro – durante la quale sono stati presentati i risultati relativi alla spesa dei fondi europei.

La Regione Calabria ha chiuso la programmazione 2021 del Por 2014-20 con sei mesi di anticipo, certificando una spesa di 915 milioni di euro a fronte degli 862 previsti, di fatto superando il target comunitario di 53 milioni. Il direttore generale del dipartimento Programmazione, Maurizio Nicolai, ha inoltre comunicato che la proposta di chiusura del Por Fesr 2007-13 “è stata formalmente accettata” e che la nuova programmazione 2021-27 “è già pronta e sarà presentata nei primi giorni di settembre”.

“Sono pienamente soddisfatto, il lavoro del dipartimento Programmazione – ha detto Spirlì – è stato enorme. Non era mai accaduto che si ottenesse un risultato del genere nel mese di giugno. In realtà, questi risultati non si realizzavano nemmeno a fine anno o l’anno successivo. Non solo abbiamo già destinato i fondi 2021, ma la premialità ottenuta ci consente di continuare a progettare per ottenere migliorie per i nostri territori”.

“Alla fine dello scorso anno – ha sottolineato Nicolai – avevamo annunciato il raggiungimento degli impegni per il 2020 e affermato che il nuovo obiettivo era chiudere entro i primi sei mesi il target di spesa 2021. Si tratta di soldi veri, di spesa messa a terra. Abbiamo centrato il target attuale, chiuso la vecchia programmazione e ora siamo pronti con la nuova, che consiste in quattro miliardi. Siamo riusciti a dimostrare che questa è una Regione che sa spendere. A chi verrà dopo di noi, lasciamo la tranquillità di poter programmare senza patemi d’animo. Consegniamo una Calabria finalmente credibile e con una nuova reputazione istituzionale”.

Quanto alla spesa dei fondi del Pnrr, che dovrebbero aggirarsi sui quattro miliardi, Nicolai ha evidenziato la necessità di “rendere più snella la macchina amministrativa. Abbiamo davanti una grande sfida, ma sulla governance del Piano non c’è ancora chiarezza e le Regioni non hanno avuto nè indicazioni nè risorse umane. E per il Pnrr serve tanta capacità di innovazione nelle pubbliche amministrazioni”.






Questo è un lancio di agenzia pubblicato il 04-08-2021 alle 12:56 sul giornale del 05 agosto 2021 - 235 letture

In questo articolo si parla di

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/cdsJ





logoEV