...

Un nuovo impiego delle risorse europee ancora disponibili per una risposta più efficace all’emergenza Covid e per garantire un fattivo rilancio economico e sociale della Calabria: questa la finalità alla base dell’intesa sottoscritta tra la Regione Calabria e il Ministero del Sud e della Coesione Territoriale che consente di dare il via alla riprogrammazione dei fondi strutturali europei, per un ammontare complessivo di 500 milioni di euro.






...

Con decreto dirigenziale in fase di pubblicazione, la Regione Calabria ha prorogato al 15 ottobre prossimo il termine di utilizzo dei buoni spesa finanziati con 10 milioni di euro nell’ambito del pacchetto “Riparti Calabria”, definito e presentato agli inizi di maggio dalla giunta regionale presieduta da Jole Santelli.




...

Il costo dei parlamentari a giustificazione delle ragioni per il Sì al referendum del 20-21 settembre è un argomento fallace e che, portato ai suoi estremi, porterebbe all’assolutismo. Il falso attacco alla casta diventa difesa demagogica della casta stessa.






...

Garantire la corretta gestione delle risorse idriche e la valorizzazione dei territori fluviali unitamente alla salvaguardia dal rischio idraulico, contribuendo allo sviluppo locale. Questo l’obiettivo perseguito dalla Regione Calabria, formalizzato nel corso dei lavori dell’assemblea del Tavolo nazionale dei Contratti di Fiume Area Sud, svoltasi a Cautano, in provincia di Benevento, nei locali del Parco regionale del Taburno.


...

Nella giornata di giovedì, nella sede della Cittadella regionale, si è svolta la riunione tecnica del Comitato direttivo per “L’Antica Kroton” previsto dal “Protocollo dintesa per la legalità" i cui sottoscrittori sono la Regione Calabria, la Prefettura - U.T.G. di Crotone, il MIbact e il Comune di Crotone.











...

L’assessora regionale all’istruzione Sandra Savaglio ha partecipato al Tavolo tecnico regionale sulla scuola con la ministra Lucia Azzolina, la quale ha manifestato apertura e disponibilità sulle singole esigenze espresse dai rappresentanti del territorio, riconoscendo un oggettivo ritardo sulle decisioni da prendere.